Caffè Espresso - Micro Onda Group
MICROLEZIONI

Caffè Espresso

Il caffè espresso, uno dei simboli del made in Italy, è una bevanda proveniente dalla torrefazione e macinatura dei chicchi, generata da un passaggio d’acqua calda, che attraversa il caffè macinato.

Già nel 1884, a Torino, Angelo Moriondo inventa la prima macchina per creare caffè espresso, che fu poi perfezionata nel 1901 dal milanese Luigi Bezzera, che riesce a farla conoscere agli operatori del settore. Un ulteriore passo arriva nell’anno successivo, quando nel 1902 il fondatore di La Pavoni s.p.a. Desiderio Pavoni acquisisce il brevetto del macchinario, detto l’Ideale, costruito in forma verticale, con caldaia e fornello a gas, che a questo punto inizia a essere prodotto in serie. Il suo lato estetico viene migliorato pochi anni più tardi, grazie a Pier Teresio Arduino, che fu tra i primi a comprendere l’importanza che avrebbe potuto rivestire questa invenzione. Decisivo è il 1938, anno in cui il barista Achille Gaggia inventa la prima macchina a pressione, quando fino a quel momento tutti gli apparecchi erano a vapore. Il caffè espresso si espande velocemente nella penisola, mentre nel resto dell’Europa questo ampliamento avviene soltanto nella seconda metà del Novecento, dopo la Seconda Guerra Mondiale.

In Italia, la mentalità di Arduino, che teneva alla qualità del caffè, più che al lato commerciale, resiste fino agli anni Ottanta. Prima di arrivare a questo periodo il barista era attento al pregio e agli arredamenti del suo locale e della sue macchine, poi la qualità andò in secondo piano rispetto al lato commerciale. Inversione di tendenza si ebbe invece nel resto d’Europa, dove si cominciò a investire sui macchinari per dare luogo a un prodotto di alto valore.

Negli ultimi tempi nel nostro Paese si sta assistendo alla rivalutazione della figura del barista, che non solo possiede e serve prodotti di qualità, ma sa anche raccontarli. Il fattore storytelling è, in effetti, oggi un fattore fondamentale, per poter appassionare non soltanto l’operatore del settore, ma anche il consumatore.

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HomeAccount Menu